Andante. Elegia

Teatro per adulti.

ANDANTE è una rappresentazione per unica attrice, sulla Morte
Prendendo spunto dai tre ritratti femminili del romanzoLe ore” di Michael Cunningham (1998), a sua volta ispirato a “La Signora Dalloway” di Virginia Woolf (1925), è stato costruito il monologo di una donna che si trova a fronteggiare uno dei momenti cruciali dell’esistenza, ovvero la scomparsa improvvisa della persona amata. 
Elementi fondamentali della rappresentazione sono il luogo, ovvero un appartamento, e la partecipazione degli spettatori, chiamati ad entrare nella casa e a sostenere con l’ascolto la condivisione dell’evento tragico. 
La festa a sorpresa per Rachele non ha potuto avere luogo, perché Rachele non si è presentata. 
L’altra donna che stava aspettando il suo arrivo, chiede agli spettatori/ospiti di rimanere con lei. 
Incomincia così il racconto su Rachele. 
Il monologo tocca vari aspetti della vita, tra cui l’“unico” amore e il contrasto tra il futuro che viene immaginato da giovani e la realtà condizionata in cui ci si ritrova a vivere da adulti
In una sorta di sovrapposizione psicologica, la donna parlante proietta su Rachele le proprie domande sull’esistenza, quasi scomparendo di fronte allo spazio occupato dalla persona amata, e si interroga sulla consapevolezza del proprio esistere nel mondo; di come sia impostata la struttura della vita; sulle presenze che a volte si avvertono, segni di un Qualcosa di più grande di noi che vuole parlarci, per indicarci forse una via; sul male oscuro di cui soffre ciascun essere umano; sulla sensazione che la vera vita non sia quella che si stia vivendo; sul valore delle cose che abbiamo, volute o no; sulla percezione che si possa essere veramente felici solo andando via; sul desiderio di scardinare la sequenza delle scelte in cui ci si ritrova… 
Lo spettacolo pone una serie di interrogativi: come sarà la vita di chi sceglie di non morire? E l’esistenza di chi deve vivere senza la persona amata? 
Andante” per evocare l’immagine di una forza che va avanti, che non si ritira, per non perdere i momenti di felicità che vengono regalati ‘nel qui ed ora’.


Di e con FABIANA GIORDANO

Foto di CARLO VENIERI


In collaborazione con Cohousing Il Fragolone – Le Mura San Carlo – San Lazzaro di Savena (Bologna)